:::: MENU ::::

Blog

  • dic 20 / 2014
  • Commenti disabilitati
Senza categoria

Parlarne insieme, che grande opportunità!

ANTR promuove incontri periodici fra medici, infermieri e pazienti. Fabrizio ci racconta il perche

Sono da sempre fautore dell’importanza di un più stretto collegamento fra il paziente in dialisi, l’infermiere ed il nefrologo per migliorare lo stato psicofisico del malato, già di per sé duramente provato dal dover sottoporsi, a volte per diversi anni, al trattamento dialitico. Anche nelle strutture bene organizzate, talvolta, si presentano situazioni che richiedono un impegno comune per la ricerca di soluzioni che migliorino in maniera soddisfacente le condizioni non solo fisiche, ma anche psico- logiche dei pazienti.
Leggi tutto l’articolo

  • dic 18 / 2014
  • Commenti disabilitati
Senza categoria

Gravidanza dopo il trapianto di rene: un sogno realizzabile

Una panoramica sui quesiti più frequenti dei futuri genitori

Il trapianto di rene è la terapia sostitutiva d’elezione nei pazienti ai quali è stato diagnosticato una condizione clinica di insufficienza renale cronica in stadio terminale. Attualmente, tale terapia, rispetto al trattamento sostitutivo dialitico, garantisce al paziente innegabili vantaggi sia in termini di sopravvivenza che di qualità di vita. Infatti, ricevere un trapianto, per questa tipologia di paziente, significa riacquistare le normali funzioni fisiologiche endocrine e metaboliche.
Leggi tutto l’articolo

  • dic 16 / 2014
  • Commenti disabilitati
Senza categoria

Studiare gli “esosomi”

Capire come il rene nuovo discute con il nuovo corpo

Attualmente i trapianti di rene, che sono presenti a Bologna da moltissimi anni e che sono magistralmente realizzati sotto la guida del Prof. Stefoni, del Prof. Pinna e del Dr. Feliciangeli, rappresentano la migliore opzione terapeutica per l’insufficienza renale terminale.
Tuttavia, il rischio di incorrere nel rigetto dell’organo risulta essere elevato nei soggetti trapiantati a causa dell’attivazione del sistema immunitario nei confronti dell’organo trapiantato. La terapia immunosoppressiva è l’unica strategia per controllare l’attivazione immunitaria, la quale, sebbene controlli l’insorgere del rigetto, comporta alcune complicanze dovute all’uso continuato dei farmaci.
Leggi tutto l’articolo

Pagine:1...484950...55