:::: MENU ::::

Donazione Liberale

  • apr 15 / 2014
  • 0

Donazione Liberale

Donazione liberale in favore di Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS) disciplinata dal D. Leg. 4/12/1997 n. 460 che costituisce:

Per le persone fisiche, società di persone, enti non commerciali (residenti e non), società ed enti commerciali non residenti, una detrazione di imposta del 19% fino a 2.066 Euro ai sensi dell’art. 13-bis, comma 1, lettera i bis, DPR 917/86 e ss.mm.

Per le imprese e società commerciali residenti, un onere deducibile fino a 2.066 Euro o al 2% del reddito di impresa dichiarato ai sensi dell’art. 65, comma 2 lettera c-sextes, DPR 917/86 e ss.mm.

l’agevolazione è consentita a condizione che il versamento sia eseguito tramite ufficio postale:
CONTO CORRENTE POSTALE 59531418

oppure tramite bonifico bancario:

IBAN: IT27I0335901600100000101524
BANCA PROSSIMA per le IMPRESE SOCIALI e le COMUNITA’

banca-prossima

Il versamento deve contenere possibilmente la causale da impiegare per l’attività associativa e i dati della persona (nome, cognome, indirizzo, e-mail e numero di telefono). Infine nell’emettere la ricevuta, l’associazione è esente da bollo ai sensi dell’art. 27-bis del DPR 642/72, così modificato dall’art. 17 del D. Leg. 460/97.

BENEFICI FISCALI PER I DONATORI

Persone Fisiche
Le erogazioni liberali in denaro effettuate da persone fisiche non titolari di reddito di impresa sono, a scelta del contribuente:
- detraibili dall’imposta lorda in misura pari al 19% del loro ammontare. La detrazione è calcolata su un importo massimo di 2.065,83 euro (art. 15 comma 1 TUIR).
- deducibili dal reddito complessivo nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque in misura non superiore a 70.000,00 euro annui (art. 14 comma 1 del D.L. 35/2005 – cd. Legge “più dai – meno versi”)

Imprese
Le erogazioni liberali in denaro effettuate da persone fisiche titolari di reddito d’impresa o da soggetti IRES sono, a scelta del contribuente:
- deducibili dal reddito d’impresa in misura non superiore a 2.065,83 euro o al 2% del reddito d’impresa al netto delle erogazioni liberali (art. 100 comma 2 lett. H del TUIR)
- deducibili dal reddito complessivo nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque in misura non superiore a 70.000,00 euro annui (art. 14 comma 1 del D.L. 35/2005 – cd. Legge “più dai – meno versi”)

Per tutti, le erogazioni liberali in denaro sono detraibili/deducibili a condizione che siano state effettuate mediante versamento su conto corrente postale, bonifico bancario, ovvero mediante carte di credito, carte di debito, assegni bancari o circolari.